Prenota on-line e ritira in libreria !

FINAL CUT - L'AMORE NON RESISTE FINALISTA STREGA 2015
GALLICO VINS
FANDANGO S.R.L., 
2015
ISBN13: 9788860444608
Reparto: NARRATIVA
16,00€
prezzo in libreria
Libreria Via Ridolfi
Via Ridolfi 53, Empoli
Disponibile in 2/8 giorni lavorativi

Rinascita Centro*Empoli
Via Sanzio 199, Empoli
Disponibile in 2/8 giorni lavorativi

DESCRIZIONE

 

VINS GALLICO A VIRUSLIBRO 2015 CON 'FINAL CUT', VENERDI' 19 GIUGNO NEL CHIOSTRO DEGLI AGOSTINIANI DI EMPOLI

Non mi chieda un perché. Io un motivo non ce l’ho. Potrei citarle Stendhal, l’amore è come la febbre, non si sa perché viene e non si sa perché passa.

Per affrontare i fallimenti sentimentali ci vuole coraggio. E un grande senso pratico. Lasciarsi non è un affare che riguarda solo il cuore, ma questione delicata, che si chiude con il rito turpe della restituzione. Perché, siamo sinceri, l’eliminazione della persona amata passa dalla rimozione fisica delle sue cose dagli armadi.

Senza quel gesto non si può fare spazio, né ricominciare. Il nostro protagonista non sarebbe onesto se non confessasse di aver fondato la Final Cut per una storia andata male. Ma non lo farà, racconterà invece di suo cugino Ludovico che, appena mollato dalla fidanzata, in deficit emotivo, gli ha chiesto una mano per disfarsi degli oggetti di Claudia nel suo appartamento.

Una specie di trasloco, che è però un taglio netto. La gente è disposta a pagare pur di non sentire dolore e la Final Cut presta soccorso, mette fine ai rapporti ormai in crisi. Le parole d’ordine sono: assenza di partecipazione, distacco, sospensione di giudizio, imparzialità.

E il tariffario cambia in base alle richieste. Se siete fortunati, avrete anche l’elenco delle motivazioni per le quali siete stati lasciati, ma per il flusso di coscienza dovrete saldare a parte, perché il confine fra empatia e commiserazione è labile, e il nostro protagonista non crede nelle terapie.

Final Cut è una commedia brillante che parla di ordine e confusione, è il ritratto parossistico della contemporaneità, è un romanzo incisivo e modernissimo che declina i sentimenti e riflette su cosa saremo più in là.

 

Recensione di “Final Cut. L’amore non resiste” (Fandango, 2015) · by Ludovica Ciocci (26 marzo 2015)

Restituire gli effetti personali alle coppie appena scoppiate. È questo lo scopo della Final Cut, la ditta di trasporti fondata dal protagonista del nuovo romanzo di Vins Gallico “Final Cut. L’amore non resiste”, edito da Fandango Libri. Mettere il punto finale ad una relazione non è per nulla semplice. Richiede coraggio e determinazione. E comporta molto dolore. C’è poi il duro passaggio dello scambio degli oggetti. Libri, profumi, vestiti che rievocano scene di un passato ormai troppo diverso. Troppo lontano. E averli sempre davanti di certo non agevola il processo di distacco. Non permette di voltare pagina e ricominciare. E allora, perché aggiungere altro dolore ed imbarazzo quando può pensarci qualcun altro al tuo posto? La Final Cut nasce con questo spirito. Aiutare le coppie ad attuare il taglio finale. Quello definitivo, quello più complicato. “La gente è disposta a pagare per l’assenza di coraggio, è disposta a pagare se può evitare il dolore, è disposta a pagare pur di non guardare in faccia il fallimento.” Diversi i prezzi, in base alle richieste del cliente. Si parte da una tariffa base, che consiste nel semplice recupero del materiale, a quella completa, che prevede anche una spiegazione dei motivi che hanno portato alla conclusione della storia. Unica regola deontologica: assenza di partecipazione, distacco, sospensione del giudizio ed imparzialità. Principi che il protagonista si sforzerà di applicare in maniera ferrea, perché, soprattutto in questi casi, il passo tra comprensione e commiserazione è davvero molto breve. Final Cut mostra una carrellata di coppie in crisi, fallimenti sentimentali nelle sue mille sfaccettature. C’è la furia di chi ha scoperto un tradimento. La vergogna di avere un marito che, di notte, ama travestirsi da donna. E l’immancabile routine che logora i rapporti. E se è vero che l’amore è un aspetto importante della vita, è altrettanto vero che non è detto che sia destinato a durare in eterno. Può d’un tratto svanire con la stessa facilità con cui, silenziosamente, era arrivato. Ma avere il coraggio di accettarne la fine, per quanto difficile, è il primo passo verso la riconquista della propria vita. E della propria serenità. Un libro attuale, ironico, brillante. E, soprattutto, mai banale.

"